Sunday, 10 May 2009

Ibbafantrukùlo... ce l'ho fatta!

Minchia!, se c'aveva ragione Teresina Mannino nel dire che milanesi si diventa, che "milanese è una categoria dello spirito [...] basta seguire due o tre accorgimenti", frai quali c'è l'essere allergici al polline che viene sparato di notte coi cannoni della neve, dato che a Milano alberi non ce ne sono.
Beh, però la cosa che non mi era del tutto chiara fino a ieri è che milanesi si diventa anche contro la propria volontà.
Aggiungiamo che in linea di massima impieghi sei mesi (a dire tanto) a fare il bravo e a tenere la destra sulle scale mobili per fare passare chi ha più fretta di te (proprio che sei turdo, allora ci puoi mettere massimo un anno); ce ne impieghi quaRtordici, di mesi, per imparare a tossichiare (uhm-uhm!) invece di chiedere permesso, se sei tu quello che va di fretta.
Oggi posso dire ancora che, se sei terrone doc, ci vogliono 2 anni per sbiancarti in volto e perché i capelli da biondo miele, o castano chiaro diventino neri o brizzolati; ci vogliono 4 anni per diventare insofferente al caldo (non ci avrei mai creduto se mi avessero avvertito prima!), e quindi sei anni (finalmente!) per diventare allergici.
Ieri, di fronte a tutto sto cazzo di polline e i pappici volanti - che poi ti si chiàntano pure nei vasi sul balcone e fanno come una scanta, ché ti cresce una pianta strana che non riuscirai mai più a sradicare, costringendoti a buttare il vaso intero - ho iniziato a starnutire. Etciù! Ibbafantrucùlo sono diventato allergico, anzi sono diventato finalmente milanese. Adesso potrò prendere la metropolitana riservata a quelli come me.
Ma soprattutto non mi sono mai sentito così "indipendente" come oggi.

1 comment:

Anonymous said...

Caro Raffaello, veri complimenti per aver trovato consapevolezza di qs tuo nuovo "status"...non è facile, sai?!! anche se personalmente mi dispiace tu abbia scoperta di essere allergico ai pollini ( o simili ): questo è un vero fastidio per la vita, mannaggia?! ma qualcuno presto troverà l'antidoto, abbi solo pazienza!
:o)
Fabio