Wednesday, 20 May 2009

"Io ho un amico che mi ama-a-a!". Per la serie: siamo tutti fratelli (english version included).


Forse alcuni di voi "froci" – per dirla con le parole della Signora Federica, ex concorrente del “Grande Fratello” - non hanno avuto occasione di leggere l’articolo apparso alcuni giorni fa sul Corriere.it che era intitolato: «Gay Pride: scontri a Mosca con la polizia, Venti attivisti in manette. I manifestanti approfittano della risonanza del festival canoro Eurovision».
In realtà l’articolo in sé non annuncia nulla di nuovo, se non quanto già reso noto nel titolo stesso, ribadendo il clima di forte omofobia che regna in Russia. E infatti non è per questo motivo che nasce il post di oggi – benché, secondo il mio modesto parere, nulla debba passare inosservato quando ci sono in ballo violazione dei diritti umani, soprusi e simili.
No. La necessità di scrivere è nata, invece, in seguito alla lettura di alcuni fra i commenti alla notizia a opera dei lettori italiani. Ne riporto due:
«bravi!
16.0519:57

"sorboneapaprigi"
finalmente un paese dove questi "signori" vengono rispediti a casa! Bravo Putin! Bravi i russi!».
«I guasti dell'oimofobia [sic]
16.0517:05
"angelo56"
L'omofobia [sic] è una malattia morale e mentale. Opprimere una minoranza innocua per il suo orientamento sessuale è come prendersela perchè hanno un diverso colore della pelle, diversa lingua, diversa religione. Ma dalla Russia dove si assassinano impunemente giornalisti, come stupirsi? Tutta la mia solidarietà ai gay russi! Domani è la Giornata Internazionale controi [sic]l'omofobia, chi è omofobo danneggia anche te, digliu [sic] di smettere!».

Se preferisco glissare sul primo commento del signor “sorboneapaprigi” come uno di quegli aerei che lasciano nel cielo le misteriose nubi indelebili di cui si narra in trasmissioni tipo “Voyager” (secondo cui esisterebbe un complotto mondiale per cui paesi nemici ci avvelenerebbero ogni giorno un po' di più col fine ultimo di sterminarci), dicevo che se glisso come uno di questi aerei sul commento di Mr “sorboneapaprigi” spargendogli sul capo il mio gas intestinale – pur sempre sperando che il suo sia un commento-scherzo e nulla di serio in realtà -, al contrario desidero soffermarmi sul commento del signor “Angelo56”.

Angelo di nome e di fatto, questo signore (’56 sarà l’età?). Sì, angelo custode di noi froci di merda, vi pare? Non lo scrivo con cattiveria, badate bene. Certo che le sue parole fanno sorridere: «L'omofobia è una malattia morale e mentale». Ecco, magari aggiungerei anche “mortale”, giusto per sdrammatizzare un po’. Solo, dovrebbero riferire al signor Angelo di prestare attenzione perché se le cose stanno come dice, fra pochi anni anche lui potrà essere tacciato di chissà quale crimine, oppure maltrattato e per il semplice, innaturale fatto di essere un vecchio del cazzo. Certo sarà sempre meno seccato e importunato di chi, come lui, fra qualche anno sarà vecchio sì, ma in più frocio. E quando i giovani omofobi, diciamo gli intolleranti in genere ci si mettono… E' difficile dire quando un ignorante può essere più pericoloso: se quando si trova di fronte a una checca, oppure a un vecchio. Oppure a una vecchia checca.
Per fortuna c’è ancora gente che li ama, i ricchioni. O quanto meno c’è gente a cui non gliene fotte una motominchia di sapere con chi andiamo a letto (com’è giusto che sia). Però è bello sentirsi difesi, protetti da amici che non sapevamo di avere e che ci amano per il solo fatto di essere umani (addirittura come loro?).

Grazie signor “Angelo56”, La ringrazio senza alcuna sottile traccia di sarcasmo.
____________________________________________________
Perhaps some of you fags – using the words of Mrs Federica, who took part to the Italian “Big Brother” - have not had still the occasion to read the article appeared some days ago on the Corriere.it and entitled:
“Gay Pride: fightings in Moscow against the police, Twenty activists in handcuffs. Demonstrators take advantage of the resonance of the Eurovision festival”.
Actually the article does not announce nothing new, but what it’s already announced in the same title, repeating the well known severe homophobia reigning in Russia. In fact it is not for this reason that this post born today - although, according to my modest opinion, nothing must go unnoticed when they speak about violation of the human rights, and similar things.
No. The need to write today born, indeed, after reading some among those comments of Italian readers. I am reporting two of them:
Well done!
16.0519: 57

by sorboneapaprigi
at last there is a country where these “gentlemen” are shipped back home! Bravo Putin! Well done, Russian people”.
The breakdowns of the hoimophobia (sic)
16.0517: 05

by angelo56
The homophobia is a moral and mental disease. Oppressing innocuous minority for its sexual guideline is like fighting people because they have a different color of the skin, they speak different languages and preach different religions. But from Russia (sic) where journalists are killed with impunity, how can we get astonished? All my solidarity to the Russian gays! Tomorrow it is the International Day against the homophobia, who is homophobic damages you also. Say stop”.

If I prefer to skate over the first comment by Mr. “sorboneapaprigi” like one of those airplanes spreading in the sky the mysterious indelible clouds, about which spoke the television programme “Voyager” (in their opinion there is a world-wide conspiracy operated by enemy countries killing us slowly, every day, with secret poisons), I was saying that if I skate over this comment like one among these airplanes simply spraying on Mr sorboneapaprigi ‘s head my well known internal gas - hoping anyway that his comment is a joke-comment and nothing serious -, on the contrary I would like to dwell on the comment by Mr. “Angelo56”.
Angel is his name, but this gentleman (is 56 his age?) is really an angel from the heaven . Yes, he’s the guardian angel of us, fucking queers, isn’t he? Please note that I do not write this being nasty. Certainly words of Mr Angelo make me smile: “The homophobia is a moral and mental disease”. So, I would even add “mortal disease”, just to de-dramatize it.
Someone would have to let Mr. Angelo know that if it is like this, within few years he could be also accused who knows of which crime, or ill-treated due to the simple, unnatural fact to be a bloody old man. Of course he will be never pestered like those not only bloody old people, but also poofs. But when young homophobic guys decide to apply themselves… it’s hard to say when uneducated people can be very dangerous: if when they are in front of queers, or old people.
Fortunately there is still someone loving them, I mean fucking queens. At least there is someone caring not at all of the person, whom I am getting lay with (it should be ever like this). But it’s wonderful to feel guarded ourselves, protected by friends we didn’t know to have and loving us only because we are human being like them.

Thanks Mr. “Angelo56”, I thank you without any trace of sarcasm.

2 comments:

vic said...

Mhh..non ho tanto capito. Ma sarà che sono stanco e puzzo di fritto causa prova tecnica di parmigiana di melanzane..
Ciao ciao
v.

Madavieč'77 said...

Mmh... tranquillo. Mi sa che sono io quello stanco, confusionario e facilmente suscettibile in questi giorni.
Colpa della congiunzione astrale e del relativo mal di stomaco.
Rf