Thursday, 18 June 2009

Life.trend: "Сильвио Берлускони с пикантными фото " ("Le foto piccanti di Silvio Berlusconi")


Lo sapete che non amo politiccizare il mio piccolo spazio online, ma...

Siamo quasi arrivati alla frutta - forse - se anche i russi si degnano di prenderci per il culo per la faccenda, anzi "le faccende" del nostro Primo Ministro S. Berlusconi & Co. I siti internet di tutto il mondo (dai blog più scrausi come il mio, alle testate giornalistiche nazionali on-line di tutta Europa, ma cosa dico di tutta Europa - di tutto il mondo!) sguazzano, si divertono a sbattere le manine nell'acquerugiola che il nostro Paese perde sempre più da tutte le parti. Non incrimino il Primo Ministro e non incrimino l'ooposizione. O forse sì, l'incrimino tutti, ma è davvero ridicolo come paesi quali la Russia che non mi pare risplendano nel firmamento delle libere democrazie abbiano l'ardire di scrivere su di noi - e sapete quanto io ami la Grande Madre Russia -, di scrivere di Censura Italiana, a opera del Premier, in riferimento alle sue "fotografie pornografiche" (!!) - che poi, che c'era da censurare secondo loro, se tutto il mondo ha avuto la possibilità di vedere 'ste immagini grazie soprattutto al sito de "El Pais" che ha voluto vendicare la cosiddetta "Bambi" (il Primo Ministro spagnolo).

E sia:
http://www.elpais.com/fotogaleria/imagenes/censuradas/Berlusconi/6527-1/elpgal/ !!
Ancor più ridicolo è come anche la Chiesa cattolica spagnola - e non solo - abbia preso a lamentarsi dei nostri politici, quando oggi non si è parlato altro se non del fatto che nessuno più va a messa, che non ci sono più preti, etc... etc... Be', almeno hanno cominciato - si spera - ad interrogarsi, a sgranare un po' quegli occhietti miopi del piffero che si ritrovano. Saranno anche loro esseri umani, no?

C'è chi, come la BBC, pare meravigliarsi che "il Primo Ministro italiano Silvio Berlusconi abbia reagito con rabbia alla pubblicazione sul giornale spagnolo El Pais di alcune delle foto scattate, rubate nella sua villa in Sardegna. Tette e cazzi al vento ("la foto più sconvolgente" sarebbe proprio quella del pene in erezione, secondo l'articolo russo)... Ma che poi, scusate, che sarà mai un cazzetto al vento? E poi non è più bello un cazzetto dritto di uno moscio? E dove ci sono delle tettine non è forse "cosa buona e giusta" che ci sia un pisellino baldanzoso? Dove sta, se no, la famosa par condicio?

Ci si meraviglia che il Capo del Governo reclami il diritto alla privacy... Mah!
Eh sì che un "mah!!" ancora più grosso mi viene da schioccarlo quando sento dire al Tg che "su tutto vige il più stretto riserbo" (Ah-ah-ah!! Certo, come per tutte le inchieste italiane supersegrete).

Eddai su, che lo sappiamo qui dove si vuol andare a parare... o no? Ma davvero ci reputano tanto deficienti? Credo di sì; è questo ciò che più mi lascia sbigottito. Ci credono davvero una massa di coglioni!
Io dico va bene, mettiamo a posto quel che si può. Ma magari iniziamo anche col rimettere al loro posto certi personaggi che tutto possono permettersi, tranne che ficcare il becco nelle faccende altrui, a partire dalla nostra Papessa Mrs. Ratzinger a finire a certi politici russi...
Ed ecco che ci sono riusciti:
ci, anzi mi stanno facendo parlare ancora di aria fritta, mentre me li vedo tutti lì, tanti cazzetti ritti al vento pronti a incularmi. Ma attenti anche voi!
Attenti a chini vi sta bicinu 'ntra 'stu ranni circu.

2 comments:

Anonymous said...

In pieno accordo con ciò che scrivi, Raffaello... duscuterei piuttosto sul fatto che un pene eretto sia più bello A VEDERSI rispetto ad uno moscio! Sei così certo di ciò che asserisci? Indubbio che A VEDERSI le "tettine" vincono su tutti i peni !
Mrs. Ratzinger che direbbe?

chini vi sta bicinu 'ntra 'stu ranni circu : traduzione letterale? grazie ,o)

Anonymous said...

Ciao Raffaello, siempre leo tus blogs. Pero perdoname todo lo que esta pasando con este tema de estas fotografias de Berlusconi me producen mucho dolor, me hacen mal. Aunque naci y tengo nacionalidad argentina, tambien tengo nacionalidad italiana, por mis antepasados. Tambien como perjudica a nuestra amada Italia. Te estaré escribiendo en privado. Un gran beso
p.d. Sabes que un enfermero del hospital que cuidan a mi mamma es nieto de calabreses, precisamente de Rossano.