Saturday, 13 November 2010

Ridammelo!

Questi due giorni di ferie mi ci volevano proprio. Avevo necessità di sporiàre e di ricominciare a rimuginare su un po' di stronzate.
In questi due giorni ho avuto anche la possobilità di ricontattare vecchi amici che nel corso degli ultimi mesi hanno lasciato, o sono stati lasciati dal proprio partner. Volevo chiedere loro come procedesse la nuova vita.
Quindi ho scoperto che per molti esponenti della Generazione X(anax) esiste una fase della vita non preventivata, eppure prevedibile. Infatti, molti di quelli che hanno passato i trenta e non hanno ancora trovato l'Amore sembra che reagiscano per lo più in due modi: o accettano di stare con il primo uomo che offre la piazza, oppure scelgono di riscaldare la minestra - insomma tornano con l'Ex.
Miranda Hobbes, l'eroina che tutti conosciamo e a cui non a caso ho dedicato il mio ultimo lavoretto che sarà in stampa (autoprodotta) prima di natale, diceva che se un uomo ha più di trent'anni ed è single, allora ha qualcosa che non va. "È darwiniano: la natura li elimina affinché non propaghino la specie".
E chi, fra noi uomini soli, ha davvero voglia di ammettere d'avere qualcosa che non va? Chi può accettare l'idea che non esiste l'Amore della vita per sè, mentre gli amici scappano in Spagna e in Germania a sposarsi con vichinghi bellissimi e intelligentissimi?
Personalmente, ho sempre ammesso di non avere tutte le rotelle al posto giusto e, checché stia qui a dare la colpa agli altri, lo so bene che è questo il motivo per il quale intorno a me, oggi, vedo solo terra bruciata (e vibratori). Ma a parte i casi come il mio, cioè di chi come me si fa porta bandiera e testimone vivente della già citata legge di Edmund White circa il sado-masochismo, mi accorgo che, di fronte alla prosettiva della solitudine, gli altri iniziano a fare un passo indietro. Certo, non è solo per questo che lo fanno. E' anche vero che spesso molti, dopo aver concluso una storia che sembrava troppo soffocante, guardandosi intorno da single colgono il vero valore di ciò che hanno perso e, così, l'amore per l'uomo che hanno lasciato si riaccende in loro più forte che mai.
Sempre Miranda Hobbes nella famosa serie televisiva americana sosteneva che, di solito, a pagare per una storia finita male è l'uomo che viene subito dopo quella storia. Se questo è vero, allora è chiaro che quando si mette fine a una storia d’Amore degna di questa parola si finisce in un circolo vizioso, da cui si rischia di non uscire più, mentre se si ritorna con l’ex sembra che ci aspettino solo vantaggi.
Se si riesce nell’impresa di tornare insieme, ecco che i rischi di un nuovo fallimento si possono ridurre quasi a zero e la felicità perpetua sembra effettivamente a portata di mano.
E come ci si riprende indietro un ex?
Beh che, se avete imparato almeno un poco dalla storia passata naufragata nella solitudine, o che vi ha portato a girovagare nella foresta abitata dalla mitologica popolazione dei piscivrachetta, allora riuscire nell’impresa non dovrebbe essere troppo difficile. Certo, ci vuole la giusta determinazione. Come in ogni progetto.
In primis bisogna sforzarsi di calarsi da capo nella mente dell’altro, ripescando proprio quel modo di ragionare che, forse, la routine dell’ultimo periodo della vostra prima storia con lui aveva reso insopportabile. Bisogna poter prevedere il suo modo di reagire agli stimoli cui lo sottoporrete per riprendervelo e levarlo di nuovo dalla piazza.
Quindi è necessario tener presente che per ricominciare una storia che funzioni è cosa buona e giusta non ricordare mai la prima volta che si è stati insieme e le cause che hanno portato alla prima rottura. Se vi capita di riparlare con il vostro ex dovreste dire e fare cose che lascino intendere come la rottura passata sia stata necessaria, facendo capire che voi state bene comunque, e che potreste continuare a vivere senza di lui.
Di certo, concordano gli esperti di “Enzinearticles”, è fortemente consigliato di evitare di pregarlo affinché ritorniate insieme. Iniziare a dire che vi dispiace, che siete disposti a tutto pur di tornare con lui, beh che, non vi porterà a nulla. Dopo la delusione vissuta, la maggior parte degli ex cerca qualcuno che sia forte e sicuro di sé e che possa trasmettergli questa sicurezza, non cerca un cane da compagnia.
Altrettanto importante è non iniziare a fare i gelosi del cazzo. Non serve a niente mostrarsi gelosi, anche perché non ne avreste alcun diritto; né sarebbe utile cercare di rendere geloso lui raccontandogli di tutti gli uomini che vi siete fatti nel frattempo (magari anche inventando un po’). In questo caso, per prevederne la reazione, è davvero solo sufficiente calarsi nei suoi panni e chiedersi: “Io cosa farei al suo posto?”
Ma sapete che esiste un vero e proprio business costruito intorno a chi, come voi, fa del "ritorno all'ex" la propria battaglia?
Già, come per ogni difficoltà che la vita ci può sottoporre c'è chi sembra avere la soluzione a portata di mano. Sempre che siate disposti a pagare, è naturale. Come nel caso di chi vende la magica confezione "Riprenditi il tuo Ex!"
Pazzesco...
A ogni modo, siccome io non sono tornato col mio ex e, anzi, fra due minuti ritornerò semplicemente di là, sotto lo scaldotto, sul divano per un randevouz con l’ultimo acquisto in Feltrinelli, non posso far altro che augurarvi buona fortuna. Ecco, magari poi fatemi sapere come è andata.

7 comments:

vic said...

Da un lato Miranda aveva torto e dall'altra ragione. Torto sull'applicazione della teoria di darwin, perchè noi non ci riproduciamo comunque, dovremmo esserci già estinti da un bel po'..e quindi i gay fanno eccezione e salutano con un bel gesto dell'ombrello la teoria della selezione naturale. Ragione perchè "quello che viene dopo" di solito è quello che raccoglie i cocci..e quindi mischinu cu c'ancagghia (poveretto chi gli capita)..Torno anche io sotto al piumone, a leggermi Montalbano ;)

Madavieč'77 said...

Ci riproduciamo, non ci riproduciamo... Uff, Prof, vai a trovare sempre il pelo nell'uovo!
=)
Rf

Anonymous said...

La verità è che non si è mai soddisfatti comunque: single o in compagnia a volte l'insoddisfazione resta. .....sarà l'età ma credo che col passare del tempo si diventa sempre più esigenti e ti accorgi che la solitudine ti assale.
lucasr

Anonymous said...

Raff, como estas?
A veces da resultado volver al ex.
Tu sabes mi historia y las oportunidades que le di a mi ex.
En mi caso solo te puedo decir, que cada vez que me encontraba con él, esa oportunidad era peor que la anterior. La última vez llamaba a mi celular, y no respondía, dando a entender "número equivocado".
Y, encontrar con tu ex puede significar también que vas descubriendo nuevos defectos que antes no los había descubierto. En fin cuantas personas hay en este planeta? uno tiene que aparecer, no? puede ser positivo el reencuentro; o se puede repetir o cometer nuevos. Y si se produce el fin, éste será peor que el anterior. Viste como las "tapitas" de las gaseosas "SIGA PARTICIPANDO". En mi caso con mi Ex dije "BASTA" (4 veces son suficientes, no?)
besos Silvia
p.d. fue feriado en Italia?

Madavieč'77 said...

Bene, grazie a tutti per volere smontare subito ogni teoria esposta. Davvero. Grazie!

Rf

Anonymous said...

invece di cercare ragioni che forse non ci sono io mi guarderei attorno..chissà che invece della minestra riscaldata non ci sia del nuovo interessante..magari che gira qui..;) !

Madavieč'77 said...

Ah-ah-ah-ah! Sentiamo un po'?
Rf