Tuesday, 17 May 2011

I nuovi propositi a 34 anni (appena) suonati


Peccato che non possa mettere giù una lista nozze come dico io. Alla luce del trasferimento nella nuova casa (visto come si sono messe le cose nelle ultime 48 ore faccio belle corna e una strofinatina antipìccio alle palle) mi farebbe proprio comodo.
Ecco uno degli svantaggi per chi non può sposarsi in Italia, o per chi decide di rimanere single: tanti regali in meno! Vi pare giusto?
Dal mio punto di vista, i matrimoni gay dovrebbero essere legalizzati in Italia se non per riconoscere l’amore reciproco fra persone dello stesso sesso che vogliono mettere su famiglia, almeno per riconoscere loro questo diritto ad accumulare regali per il nuovo nido d’amore, come accade a tutte le altre coppie.
Forse secondo qualcuno sarebbe meglio non lamentarsi, ché già ci va bene così, ché potrebbero anche regalarci un bello sputo in faccia (se ci va bene), com’è successo a Valerio e Marco. Effettivamente, gli episodi di violenza e discriminazioni sono ormai all’ordine del giorno, come ha sottolineato “Repubblica”.
Ma il mio desiderio assume ancora più i connotati dell’assurdo se consideriamo che adesso ai gay non rilasciano neppure la patente. È successo in sede d’esame di guida a Brindisi, a Christian Friscina: «Gravi patologie che potrebbero risultare di pregiudizio per la sicurezza della guida».
Naturalmente la grave patologia non poteva che essere l’omosessualità.
È per questo che, al di là di ogni schieramento politico, sono d’accordo con la signora Paola Concia (PD) quando parla di «Omofobia di Stato». Le cose non vanno migliorando proprio per un beneamato cazzo.
Eppure io sono fatto così: vivo in un mondo tutto mio e sogno già il matrimonio (tanto la patente ce lò).
Devo essere sincero: da oggi ho 34 anni e quindi, come dire, ciò ‘na certa età ed è il momento di mettere su famiglia. Così, in vista della fine del mondo mi propongo un nuovo obiettivo: un figlio.
Colgo l’occasione per chiedere aiuto a chiunque possa darmelo (sottolineo: l’aiuto a realizzare questo nuovo proposito).

No comments: